Chi Siamo
Giardino
Area_didattica
Attivita
Eventi
Progetti
ACERACEAE
Acer saccharinum
30 m
Decidue
America n.o
Striscia Flora
Acer saccharinum
L’Acero Saccharinum nome comune Acero Argentato, appartenente alla famiglia delle Aceraceae, è originario delle regioni nord-orientali del continente americano (tra Stati Uniti - dove costituisce una delle specie arboricole più diffuse - e Canada). La sua introduzione e diffusione si deve soprattutto al rapido accrescimento che lo rendono adatto all'utilizzo come pianta ornamentale. È facile trovare esemplari presso corsi d'acqua e nei luoghi umidi, questa pianta è un albero particolarmente adattabile, sebbene richieda una maggiore esposizione ai raggi solari rispetto agli altri aceri.
 
Foglie: decidue, palmate e lobate, lunghe e larghe fino a 15 cm.
Caratterizzate da 5 lobi con i due lobi vicini al picciolo della foglia più piccoli e margine a denti laterali seghettati. Le foglie sono verde chiaro e lisce nella parte superiore, mentre la parte inferiore, ricoperta di peluria bianca, è argentata. In autunno assumono una vistosa colorazione nei toni del giallo.
Corteccia: grigia e liscia, con l’età divisa in profonde striature longitudinali.
Fiori: sia maschili che femminili, con corolla ridottissima, in grappoli di colore giallo verdastro appaiono in febbraio-marzo.
Frutti: si presentano a disamara, di forma allungata con le 2 tipiche ali espanse divergenti e lungamente peduncolate della dimensione di 3-5 cm.,maturano nella tarda estate.

Nota: dalla linfa si ottiene il cosidetto "sciroppo d'acero", utilizzato come dolcificante mentre gli estratti dalla corteccia sono usati per la cura della tosse, di crampi e per il trattamento della dissenteria.
La foglia dell'acero è raffigurata al centro della bandiera del Canada